88° Anniversario Aeronautica Militare

28 marzo 1923 - 28 marzo 2011


Era il 28 marzo 1923, quando, con Regio decreto n. 645, veniva costituita la Regia Aeronautica che comprendeva tutte le forze aeree di Esercito e Marina dell'allora Regno d'Italia. La struttura operativa iniziale comprendeva Stormi di aeroplani da caccia, da bombardamento, aeroplani da ricognizione, Stormi d'idrovolanti ed un Gruppo di dirigibili. Alla fine del 1923 erano più di trecento gli aeroplani efficienti a disposizione della nuova Forza Armata. Nel 1925, a seguito di una implementazione organizzativa, veniva istituita, con Regio decreto n. 496 del 2 aprile, la carica di Capo di Stato Maggiore che andava a sostituire quella di Comandante Generale della Regia Aeronautica. Con la nascita della Repubblica le varie istituzioni dello Stato cambiarono nome. Nel 1946, dopo ventitre anni, la Regia Aeronautica scomparve per lasciare il posto all'Aeronautica Militare. AUGURI A.M.!!

Lo stemma araldico
Il diritto a fregiarsi dello Stemma Araldico derivò dalla concessione dell'uso della bandiera nazionale alla Regia Aeronautica (regio decreto del 17 ottobre 1920).
Con l'avvento della Repubblica, l'Aeronautica Militare rimase "orfana" di un distintivo d'arma sino al 1970, anno in cui lo Stato maggiore dell'aeronautica inoltrò richiesta di concessione di uno Stemma per l'Arma Aeronautica. Con il decreto del presidente della Repubblica 25 gennaio 1971, veniva concesso lo stemma oggi in vigore.
Il decreto dice testualmente:
"È concesso all'Aeronautica Militare uno stemma descritto come appresso: inquartato nel primo d'oro un cavallo alato azzurro, inalberato e rivoltato, tenente con le zampe anteriori una fiaccola naturale (27ª Squadriglia aeroplani); nel secondo d'argento un grifo rampante rosso (91ª Squadriglia "Baracca"); nel terzo d'argento un quadrifoglio verde (10ª Squadriglia da bombardamento Caproni); nel quarto di porpora il Leone di S.Marco in maestà con la spada e con il libro degli Evangelisti chiuso (87ª Squadriglia "Serenissima").
Sopra lo scudo un'aquila turrita d'oro e sotto, su lista svolazzante d'azzurro, il motto pure in caratteri d'oro: Virtute Siderum Tenus
".

Il motto in latino Virtute Siderum Tenus (con valore verso le stelle), è poi stato scelto anche dal pattugliatore di squadra Aviere della classe Soldati, acquistato dalla Marina Militare nel 1992.

Lo Stemma araldico venne ottenuto riunendo gli emblemi di quattro delle squadriglie che avevano dato prova di abilità, coraggio ed eroismo nella prima guerra mondiale. Le squadriglie scelte furono:
10ª Squadriglia Farman
91ª Squadriglia Aeroplani da Caccia
10ª Squadriglia da Bombardamento Caproni
87ª Squadriglia Aeroplani

Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter

Nessun commento:

Posta un commento